imagealt

Sanzioni Disciplinari

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI E MODALITA’ OPERATIVE:

 

La scuola adotta anche provvedimenti tendenti alla responsabilizzazione (educativi di recupero) dell’alunno. Detti provvedimenti sono:

1) Svolgimento di progetti di volontariato;

2) Svolgimento di progetti di recupero della motivazione sull'importanza della scuola per la formazione del cittadino responsabile

Sanzioni applicabili alle infrazioni delle diverse aree:

Ritardi:

Orario di entrata a scuola: ore 07.55-8.00.

Dalle ore 08.01 alle ore 08.10 allo studente viene assegnato un ritardo breve.

Dalle ore 08.11 alle ore 9.00 allo studente viene assegnato un ritardo (lungo) che conteggia lo studente come assente per l’intera ora, anche se presente in aula. 

Dopo le 9 non è più possibile entrare a scuola se non per comprovati motivi (esempio: certificato di visita medica, certificato sportivo…) approvati dalla vice-presidenza.

Allo studente sono concessi 2 ritardi al mese. Al 3° ritardo mensile lo studente viene sanzionato in automatico con 1 giorno di sospensione senza frequenza.

Si precisa che dopo 3 ritardi mensili e, quindi, l’applicazione della sanzione, ripartirà il conteggio dei ritardi mensili nel mese corrente.

Il ritardo coinvolge anche i rientri pomeridiani e, quindi, la prima ora di lezione nei rientri.

Il Ritardo Breve (RB) non fa parte del conteggio dei ritardi, ma avrà una influenza sul voto di condotta.

Area 1:

All'inserimento della QUARTA nota disciplinare sul registro elettronico (conteggiata per periodo scolastico - trimestre, pentamestre) scatterà la sanzione automatica di 1 giorno di sospensione senza frequenza. 

PER APPLICARE LE SANZIONI AUTOMATICHE, il Coordinatore di classe, delegato dalla Dirigenza, dovrà:

nell'arco di 5 giorni al massimo (dalla data del quarto ritardo):

- avvertire il D.S. o la vice-preside (via email);

- fissare una data per la sospensione;

- informare la famiglia (tramite la funzione ''annotazioni per la famiglia'' sul registro elettronico e eventualmente via telefono);

- informare il C.d.C. via registro elettronico e e-mail (senza convocarlo, in quanto già delegato);

- compilare il modulo di comunicazione del provvedimento disciplinare.

Inoltre, dovrà entro 5 giorni dalla comunicazione alla famiglia:

- irrogare la sanzione.

In quest’ultimo arco di tempo, lo studente avrà il diritto di contestare la sanzione e rivolgersi al Comitato di Garanzia (come sopra specificato).

La Commissione tiene a precisare che la sanzione sarà applicata anche nel caso non sia stato possibile avvertire la famiglia di un minore via telefono.

Agli studenti sottoposti a sanzione sarà vietato l’accesso alla struttura dell’Istituto. Accedere all'Istituto sotto sospensione costituisce una infrazione afferente all'Area 2.

Rimane sottinteso che il C.d.C., qualora valutasse necessaria la convocazione di un C.d.C. straordinario, sarà libero di agire oltre all'automatismo della sanzione prevista e valutare sanzioni e/o percorsi alternativi.

Area 2:

Dopo una sola infrazione si convoca il C.d.C. straordinario per valutare la durata della sospensione (da 1 a 15 giorni) e/o percorsi alternativi.

Il docente che assegna la nota disciplinare appartenente a questa area, dovrà informare il Coordinatore dell’accaduto, in modo da rendere tempestivo l’intervento.

Il Coordinatore dovrà:

- comunicare via email alla Dirigenza e in copia alla vicepresidenza la convocazione del CdC straordinario

- comunicare la convocazione del C.d.C. alla famiglia tramite registro elettronico - sempre attraverso la funzione ''annotazioni per la famiglia'' - e eventualmente via telefono

- comunicare il provvedimento disciplinare alla famiglia tramite (registro elettronico e eventualmente via telefono)

- Compilare il modulo di comunicazione del provvedimento disciplinare.

Qualora il C.d.C. decida di irrogare una sospensione maggiore di 15 giorni, si dovrà rivolgere al Consiglio d’Istituto, redigendo una relazione sull'accaduto.

In caso di recidiva o d’infrazione arrecante danni particolarmente gravi a persone, verrà disposto l’allontanamento definitivo dalla scuola.